http://aglioeprezzemolo.blogspot.com

http://aglioeprezzemolo.blogspot.com

domenica 12 febbraio 2012

rane fritte


come racconta Sandro Bellei nel suo libro "Modena a tavola", un tempo, fino a non molto tempo fa,  esistevano i "ranai", che di notte andavano sui fiumi a pescare le rane con un batuffolo di seta e il retino.  ne prendevano moltissime, e le rane erano molto cucinate in tutto il nord Italia fino alla bassa modenese, si cucinavano anche i tortellini ripieni di rane, il risotto, gli stufati.
ora le rane non si trovano più nelle nostre acque, e bisogna accontentarsi di quelle surgelate. 
per chi piacciono le rane, questo piatto è fantastico e golosissimo, e da mangiare tassativamente con le mani.

ingredienti:
rane surgelate
farina
sale, pepe
prezzemolo
olio extravergine, burro
limone

lasciar scongelare le rane tra due strofinacci (ci mettono molto tempo), poi  asciugarle molto bene.
salarle e peparle, infarinarle: io metto in un sacchetto di plastica un bel pò di sale (le rane sono molto sapide), pepe, e farina setacciata, poi vi metto le rane, chiudo il sacchetto e lo scuoto per bene.

mettere in un tegamino  piccolo per fritti (di ferro o di ghisa, comunque pesante e adatto alla frittura) almeno tre dita di olio extravergine di oliva, e friggere le rane a 5-6 alla volta, scuotendo prima accuratamente la farina in eccesso.
a 3/4 di cottura togliere le rane con una pinza e depositarle in uno scolapasta su carta assorbente.

preparare un padella larga e antiaderente con olio extravergine e burro, trasferirvi le rane e rosolare a fuoco vivace, scuotendo spesso la padella.
a cottura terminata, trasferire le rane fritte in un vassoio su carta assorbente, spruzzare con limone e spolverare con prezzemolo fresco tritato.



Nessun commento:

Posta un commento

crostini stracchino e salsiccia

ricetta toscana molto utilizzata nelle occasioni conviviali.  davvero appetitosa. comoda nei buffet. ingredienti: ...